Un’ idea per S. Valentino: adotta una specie in pericolo!

fenicotteri_g_culmone_small_1_26160Il WWF per San Valentino lancia la campagna: “Fai un gesto d’amore, adotta una specie in pericolo”.

Anche nel mondo animale il corteggiamento assume aspetti affascinanti. Ci sono specie, come gli uccelli marini, che corteggiano offrendo un dono, mentre altre si incontrano nello stesso punto di ritrovo o ancora, come l’uccello giardiniere che costruisce delle capanne alcove arredate di oggetti colorati. Molte specie di uccelli si corteggiano danzando, mentre i mammiferi come l’orso polare scelgono il partner guidati dal… “profumo”. Poi ci sono gli esibizionisti, quelli che si fanno belli come alcuni uccelli di palude e gli uccelli del paradiso, quelli romantici che si lasciano andare a effusioni e baci, quelli “gelosi” che recludono la compagna, quelli che combattono per attirare l’attenzione delle femmine, come il cervo, e altri che invitano il partner “a casa”. Poi ci sono i fedelissimi e – all’opposto – coloro che si formano un vero e proprio harem, accoppiandosi con più partner, come i leoni marini. Guarda qui la bellissima photo-gallery creata dal WWF.

Lo ricorda il WWF che in vista della festa di San Valentino propone a tutti gli Innamorati un regalo a tema: l’adozione di una specie in pericolo. Visitando il sito wwf.it/adozioni  è possibile scegliere l’animale preferito, selezionando anche la tipologia di adozione. Con l’adozione semplice si riceverà un kit che contiene il certificato di adozione, una scheda dedicata alla specie scelta e la lettera di ringraziamento a firma di Fulco Pratesi. L’adozione con peluche: per i più romantici che non possono rinunciare al morbido peluche della specie scelta. L’adozione digitale: per chi desidera essere il più ecosostenibile possibile e per chi penserà al regalo di San Valentino soltanto all’ultimo momento.

Ecco le strategie di corteggiamento più curiose tra le specie animali

Regali d’amore. Alcune specie di uccelli offrono al partner del cibo prima dell’accoppiamento. Questo è diffuso in alcuni uccelli marini (le sterne e i gabbiani), i martin pescatori e i gruccioni. Un po’ come fanno gli umani con un invito a cena!

Raduni d’amore. Alcune specie di uccelli e di mammiferi usano dei “ritrovi” abituali per incontrare il partner. In questi luoghi,  in cui i maschi si esibiscono in canti, danze e altre forme di corteggiamento (gallo cedrone e gallo forcello) si chiamano “lek” o “arene”. Un po’ come accade tra uomini e donne nei locali o in discoteca o in piazzetta!

Danze d’amore. La danza ha nella cultura umana un significato molto forte, sia nelle popolazioni tribali, sia nelle società moderne. Nel mondo animale sono molte le specie che compiono delle danze affascinanti, a tempo e complesse durante il corteggiamento, soprattutto negli uccelli (gru, svasso americano, albatros, uccelli del paradiso), ma anche tra insetti e ragni (ragno pavone).

Combattimenti d’amore. I maschi di molte specie lottano per contendersi il partner, dando origine a combattimenti e lotte spesso furiose. E’ il caso del gallo forcello tra gli uccelli, del cervo tra i mammiferi e del cervo volante tra gli insetti. La competizione diretta e indiretta (ad es. gli status symbol) è molto ‘diffusa’ anche nella nostra specie.

Profumi d’amore. Il profumo come arma di seduzione non è prerogativa della specie umana. In tutti i mammiferi, in pochi uccelli e negli insetti, l’odore ha un ruolo importante per scegliere il partner. L’orso polare è capace di individuare una femmina fertile a chilometri di distanza. Stessa capacità la possiede il gorilla e persino il criceto!

Farsi belli. Molti uccelli si adornano durante il corteggiamento di splendidi piumaggi. Uno degli esempi più straordinari è rappresentato dal combattente, che si esibisce in arene per attirare le femmine e ogni esemplare assume un piumaggio diverso dall’altro. La coda del pavone è un altro esempio di “vestito” per corteggiare, così come gli incredibili piumaggi e danze degli uccelli del paradiso.

Animali fedelissimi. Dal punto di vista evolutivo la fedeltà non paga, perché per i maschi è vantaggioso accopparsi con più femmine per avere una prole più numerosa. In alcune specie però le cure parentali sono importanti e “in due” la prole ha più chance di sopravvivere. Diventa quindi vantaggioso avere un partner affidabile. Così una volta avvenuto il corteggiamento e l’accoppiamento, la coppia rimane fedele per la vita, come nel caso del lupo, della sula piedi azzurri, dell’albatros  o dei pappagallini inseparabili.

Animali infedeli. Molte specie non sono fedeli e costituiscono degli harem o si accoppiano con più femmine, in alcuni casi anche una femmina con più maschi. Alcuni maschi di balia nera hanno un’amante poco distante dal nido della femmina principale. I cervi costituiscono harem numerosi con molte femmine, così come anche i leoni marini. Le femmine di salamandra pezzata invece si accoppiano con più maschi possibile (poliandria).

Qui il link per le informazioni e adesioni alla campagna: http://www.wwf.it/sanvalentino

 

 

 

 

 

 

 

Author: VegFashion

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *